martedì 13 settembre 2016

Fiumefreddo di Sicilia, tra alberi di mango, piante di papiro e natura

La pianta del mango, frutto tropicale straordinario per sapore, profumo e proprietà nutritive, ed il papiro, all'interno della piccola ma straordinaria Riserva Naturale del fiume "Fiumefreddo", con acque gelide che consentono la sopravvivenza di piante Scandinave.

Fiume Fiumefreddo - Foto di Angelo La Spina



 Non siamo in Australia o in sud America, dove gli alberi di mango sono un corredo d'arredo. Non siamo in Africa, dove il papiro prolifera e fa parte della storia. Non siamo in Svezia o Norvegia, dove le acque gelide permettono la crescita spontanea di piante nordiche come il ranuncolo a pennello. Siamo a Fiumefreddo di Sicilia, dove la natura, oltre a regalarci lo splendido litorale di Marina di Cottone ( che chiunque ci invidierebbe, e "noi" lo maltrattiamo!), ci consegna in pochi chilometri quadrati un pezzo d'Africa, un pezzo d'Australia ed un pezzo di Scandinavia.

Angelo La Spina
Il Papiro - Foto di Angelo La Spina

Il mango di Fiumefreddo di Sicilia è stato importato dall'Australia, all'inizio degli anni '90, ed in Sicilia ha trovato delle condizioni climatiche ideali nel territorio ionico, molto adatto al frutto tropicale.

Mango di Fiumefreddo di Sicilia - Foto di Angelo La Spina

Un frutto straordinario, che inizia ad essere conosciuto ed apprezzato finalmente, anche grazie all'impegno di due produttori locali, che hanno dato vita ad una "Festa del mango e del melograno" che vedrà la terza edizione sabato 16 settembre e domenica 17 settembre


I promotori dell'iniziativa sono Concetto Puglisi di Tropical Fruit, ex chef, che ha coltivato ben settecento alberi di mango e, grazie all'esperienza da chef, valorizza il frutto del mango nel campo eno-gastronomico preparando piatti prelibati ( ad esempio diverse tipologie di primi piatti e contorni con il mango, che potrete assaggiare nel corso della Festa del mango e del melograno). 
Corica Angelo ( Corica Vivai) che, oltre alla pianta del mango, ha dato vita ad una piantagione di melograno di alta qualità. Per coltivare questa pianta la sua azienda ha aderito ad un consorzio che monitora costantemente le piante attraverso GPS per garantire una qualità eccezionale.
Alla festa del mango potrete assaggiare varie specialità, granita di mango, primi piatti con il mango, cannoli e dolci tipici, e tanto altro che potrete scoprire.


Se Bronte è conosciuta in tutto il mondo per il pistacchio, certamente Fiumefreddo di Sicilia potrebbe essere conosciuta anche per il mango ( ed il papiro, di cui parlerò sotto), attraverso una programmazione nel medio-lungo termine che intrecci agricoltura, eno-gastronomia e turismo rurale, rilanciando anche uno stile di vita e di consumo rispettoso dell’ambiente, nella consapevolezza che il binomio turismo-agricoltura rappresenta un volano di sviluppo per il territorio.

Albero di mango nel mio giardino - Fiumefreddo di Sicilia

Un altro elemento di straordinarietà per il territorio è rappresentato dalla Riserva naturale del fiume "Fiumefreddo", dove nello stesso Habitat, grazie alle acque gelide del cristallino fiume, trovano vita il rannuncolo a pennello, caratteristico in Scandinavia, e la pianta del papiro, tipica dell'Africa.
Domenica scorsa l'Associazione Mentelocale di Fiumefreddo ha promosso una giornata di valorizzazione e promozione territoriale, all'interno del quale l'artista del Papiro Michele Patanè ci ha guidato all'interno della piccola Oasi naturale, svelandoci tanti retroscena ed elementi interessanti. A seguire abbiamo visitato il laboratorio del papiro e una degustazione del mango di Fiumefreddo di Sicilia.


Visita alla Riserva naturale - Foto di Angelo La Spina

Michele Patanè ha dedicato la sua vita professionale alla Riserva e sopratutto ad una sua unicità, il Papiro, costituendo diversi anni fa il laboratorio del papiro, dove pittura e disegna su carta papiro e, in generale, porta avanti l'arte della lavorazione e trasformazione della pianta del papiro.


angelo la spina fotografo
Una fase nella trasformazione della pianta in carta papiro - Foto di Angelo La Spina

angelo la spina fotografo
Una fase nella trasformazione della pianta in carta papiro - Foto di Angelo La Spina


Dal papiro viene fuori anche un gustoso e delizioso liquore...

Foto di Angelo La Spina
  
La Riserva Naturale del fiume "Fiumefreddo", insieme a litorale di Marina di Cottone, rappresentano un fiore all'occhiello per il territorio. Purtroppo la gestione dell'ex ente Provincia di Catania, oggi città Metropolitana di Catania, ha evidenziato problematiche strutturali che non hanno permesso una pianificazione strategica nel medio e lungo termine che, attraverso attività, eventi ed iniziative, nonchè tour e visite organizzate, riesca a valorizzarla davvero. Bisognerebbe affiancare una o più realtà associative VALIDE per non rendere vano il grande lavoro che il WWF di Fiumefreddo di Sicilia, a partire dal 1997, fece nel periodo iniziale.




Vi ho parlato di tante cose straordinarie del nostro territorio, ma non ci dimentichiamo del litorale di Marina di Cottone, ancora selvaggio, dipinto dalle acque blu del mar Ionio, attraversato dal fiume "Fiumefreddo", con l'ampia spiaggia delimitata dal boschetto di eucalipto e da un'immensa macchia verde. Tutto questo aspetta di essere curato e valorizzato, ad oggi versa in uno stato di abbandono ed incuria frutto del fallimento della politica che nei decenni non ha saputo tutelare un'area tanto bella quanto unica ( sotto alcuni link di approfondimento sull'argomento).