lunedì 7 marzo 2016

Chiude il laboratorio del Papiro nel silenzio...

L'artista del Papiro Michele Patanè, dopo diversi anni di attività, costretto a chiudere il suo laboratorio del Papiro nel silenzio del territorio, che rischia di perdere definitivamente una tradizione tanto rara quanto unica, l'arte della lavorazione e trasformazione della pianta del Papiro. Michele Patanè, musicista, pittore, scenografo ed artista, la sua vera peculiarità è quella della pittura e del disegno su carta papiro, la pianta che cresce sul nostro territorio grazie alle straordinarie condizioni naturali presenti nella Riserva naturale del fiume "Fiumefreddo", unico caso in Europa insieme a Siracusa. Michele Patanè è divenuto un grande conoscitore non solo della pianta del Papiro, ma più in generale della Riserva Naturale del fiume "Fiumefreddo", raccontandone aneddoti e vicende inedite, anche a ritmo di musica incidendo canzoni accompagnate dalla sua immancabile chitarra.

Foto di Angelo La Spina

Miglia di alunni delle scuole del nostro hinterland sono stati coinvolti nei vari progetti scolastici sul papiro e la trasformazione in carta, sulle unicità della riserva naturale e, in generale, sulla storia del nostro territorio.



Da una parte, attraverso una particolare operazione di trasformazione della pianta in carta Papiro, successivamente utilizzata per forme artistiche come dipinti e piccole opere d'arte di varia tipologia. Ad esempio, molti ricordano ancora la medaglia incisa nel Papiro dell'edizione della Supermaratona dell'Etna del 2014.



Dall'altra accompagnando turisti, bambini delle scuole e semplici visitatori lungo i sentieri della suggestiva Riserva Naturale del fiume "Fiumefreddo", spiegandone le particolarità e le peculiarità.

Tour guidato presso la Riserva Naturale a gita di Pugliesi
Ricordo ancora quando, all'interno del nostra rassegna dedicata a Pasolini con l'associazione Mentelocale, curò un piccolo laboratorio GRATUITO sulle modalità di utilizzo e lavorazione della carta Papiro e fece conoscere il patrimonio naturalistico del nostro territorio a ben trecento studenti ( organizzati in gruppi distribuiti in due giorni!) delle scuole medie dell'hinterland.


"Che cosa sono le Nuvole?", Evento dedicato a Pasolini 
 La Riserva Naturale del fiume "Fiumefreddo", gestita dalla città metropolitana di Catania con diversi dipendenti pubblici, dove all'interno non è presente nessun tipo di accompagnamento, nessuna organizzazione di eventi o attività giornaliere e serali ( ed è praticamente impossibile che un'associazione possa ottenere un'autorizzazione a svolgere qualcosa seppur affine.....) e con la chiusura le domeniche e festivi. Non è mai stata presa in considerazione una possibile collaborazione con l'associazione dell'artista all'interno della Riserva naturale, che incontrava grandi ostacoli anche solo per accompagnare gruppetti all'interno della stessa Riserva a causa del completo disinteresse della Provincia congiuntamente ad una burocrazia deleteria. Non è una polemica, ma sono i fatti che parlano.



 Michele Patanè la scorsa estate ha anche partecipato all' EXPO di Milano per rappresentare Fiumefreddo di Sicilia e, più in generale, la Regione Sicilia.

Michele patanè carta papiro
Carta papiro "Fiumefreddo di Sicilia" -  carta papiro record 

La voglia di far conoscere la Riserva Naturale l'ha portato, ad esempio, ad l'organizzare un incontro con tutte le guide dell'hinterland, nella speranza di rendere più appetibile il nostro territorio.

Guide alla scoperta della Riserva Naturale del fiume Fiumefreddo




Mi chiedo se a Siracusa esiste il museo del Papiro, perchè non realizzarne uno a Fiumefreddo di Sicilia per attrarre visitatori e turisti?

Foto di Marika Susinni

Spero che il territorio ( inteso come istituzioni, imprenditoria e cittadini), in qualche maniera, non faccia perdere questa tradizione in modo che l'arte della lavorazione del Papiro possa continuare e tramandarsi nel tempo.
Non vuole essere un articolo per alimentare polemica politica di basso livello. Piuttosto, sarebbe bello che, per una volta, la critica fosse sotto forma di idee e progetti.